Archivi tag: Biowatching

Il parco del Durmitor, in Montenegro

IMG_3643Parliamo del parco del Durmitor, in Montenegro.

Il Montenegro è una giovane repubblica nata dall’esplosione della ex Jugoslavia. Giusto di fronte a casa nostra ad appena una notte di traghetto da Bari o da Ancona.
E’ minuscolo il Montenegro (Crna Gora in lingua locale), appena 13.800 kmq, ma presenta una grande varietà di paesaggi ed una storia molto interessante. Stretto tra i monti ed il mare Adriatico, infatti, ha montagne spettacolari con aspre cime che si innalzano ben oltre i 2.000 mt, incredibili canyon ed estese foreste, le cittadine mediterranee, la baia di Kotor una sorta di grande lago interno ma si tratta del più grande fiordo dell’Europa meridionale.
E poi la storia… solo questo minuscolo pezzo di territorio stretto sul mare riuscì a sopravvivere alla marea turca, nei quattrocento anni dell’impero ottomano che dal XIV secolo sommerse i Balcani ed arrivò alle porte di Vienna. Qui le popolazioni slave resistettero e conservarono le tradizioni cristiane, legate alla chiesa bizantina. Tanto che il confine con l’Islam è proprio qui: da una parte la Serbia ortodossa, dall’altra la Bosnia e l’Albania convertitesi in gran parte alla religione mussulmana, come purtroppo abbiam tutti appreso dagli eventi terribili a noi contemporanei.

Continua la lettura di Il parco del Durmitor, in Montenegro

Patagonia

imageAlzi la mano chi non ha mai sognato di fuggire in Patagonia! Già proprio così. Un mondo lontano eppure a noi italiani così vicino. Un deserto pieno di meraviglie naturali e di paesaggi mozzafiato. Un luogo ricco della presenza di tanti italiani che ne han fatto la storia e l’economia.
L’Argentina ci parla dei melanconici e struggenti ritmi del tango, di gaucho persi nell’immensità di questi deserti.
Todos tanos tutti italiani, te lo senti ripetere spesso non appena cominci a parlare con la gente che, affabile e disponibile, ti mette subito a tuo agio, soprattutto nei piccoli centri che sono il cuore di quell’immenso paese che è la nostra meta. L’Argentina, infatti, è grande quasi come un terzo dell’Europa, si estende per 3400 chilometri, dal Tropico del Capricorno fino alle regioni subantartiche della Terra del Fuoco. Un viaggio in queste terre ci immergerà in paesaggi umani e naturali di una suggestione e bellezza da levare il fiato. Il viaggio di una vita se si potesse esplorarla tutta. Ma avendo meno tempo proviamo comunque a scoprire uno dei posti più belli del mondo… magari sognando di tornarci (a proposito chi mangia il frutto del calafate ritorna, come dice la leggenda, ma attenti che più di uno può far male!).

Continua la lettura di Patagonia

Le Barene di Venezia

imageLe barene di Venezia sono nella Laguna più famosa del mondo.

Venezia e la sua laguna, uno degli spettacoli naturali più belli e noti del mondo. Le calli e le gondole fanno parte dell’immaginario collettivo globale ormai. Eppure c’è ancora modo di avvicinarsi a questo spettacolo da un altro punto di vista. La laguna, infatti, è un equilibrio continuo tra la terra ed il mare. A noi farà anche poco comodo, ma è nelle natura stessa della laguna evolversi e spostarsi. Il limo depositato dai fiumi che si contrappone alle sabbie rigettate dal mare, si impaluda in questo scenario d’eccezione, ricco di vita e di storia, come pochi altri posti al mondo.
Tra acqua alta e progetti faraonici di controllo delle maree, la vita in laguna è un tumultuoso pullulare di iniziative ed eventi.
Quindi se, complice la lunga stagione turistica del litorale veneziano, vogliamo curiosare tra canali e vicoletti, spiagge e barche da pesca, allora potremmo avventurarci in una bella gita in bici sulle barene della laguna, cioè su quelle che tutti chiamano le isole di Venezia.

Continua la lettura di Le Barene di Venezia