Irlanda, il mito del verde più verde

IMG_0580Siamo arrivati in Irlanda, siamo a Hook Head. Qui c’era il primo faro irlandese, nel 1100. Avvisto la prima sula.

Il giorno dopo una notte tranquilla andiamo da Duncannon a Tramore, per il Passage east. Paesaggi aperti, tanti pascoli e mucche, e pecore e cavalli. Non c’è nessun riparo per gli animali, stanno lì in gruppo sotto la pioggia con le spalle al vento che soffia dal mare.

E i colori? Cambiano di continuo. Il giallo del frumento, il verde brillante, bagnato, dei prati e i mille colori dei fiori nelle siepi, che sono ovunque, e tra le case. Già le case. Che belle. Linde, grigie coi tetti di scandole in legno o in piombo. Hanno tutte delle specie di vetrine davanti. Le famose “baywindow” che gli inglesi han portate in tutto il mondo per guardare fuori in posti dove piove o fa tanto vento. Si capisce subito che qui l’inverno è lungo e fa tanta pioggia.

Ma la cosa che mi meraviglia di più è il cielo. Cambia ogni minuto. Segue i ritmi della pioggia. Che qui c’è davvero, anche se a volte smette e ti regala un sole stupendo e allora esplodono questi colori brillanti d’Irlanda.

Arriviamo a Kinsale, dopo un giorno di pioggia torrenziale e l’Irlanda, per farsi perdonare, mi regala un bell’airone cenerino molto confidente ed in posa proprio per me.

Tra Skibberee e Bantry facciamo il giro delle due penisolette. Posti bellissimi, tanti tanti animali liberi, cavalli e mucche, ma soprattutto pecore e anche tante galline. Ti immagini questi irlandesi, un po’ fuori dal mondo, leggere libri, ascoltando musica, nelle loro baywindow, nei lunghi mesi invernali. Già mi sa che è proprio così, perché qui fa freddo anche ad agosto, figuriamoci a febbraio.

_MG_4745Ho fotografato un falco pellegrino che volava su di noi proprio intorno al faro, rosso fuoco, sulla punta di Bantry a Mizen Head, l’estremo sud-est dell’Irlanda, da dove abbiam guardato a lungo il mare, stregati dal vento, dal sole, dalla forza delle onde su cui volavano basse molte sule.

Andiamo ancora, verso la penisola di Beara, tutta una curva! Proseguiamo verso la penisola di Valentia. Facciamo mezzo ring, mezzo giro come diremmo noi. Cambia un po’ il clima, ci sono boschi e monti. Si va a piedi verso i laghetti del parco di Killarney, peccato non avere tempo, qui bisognerebbe venire a fare davvero una gitarella di due o tre giorni. Sull’isola c’è un affaccio sulle scogliere da brivido. La cosa più facile è arrivare all’isola in traghetto da Cahersiveen, oppure fare il giro dal ponte di Portmagee, l’importante è che sull’isola ci si mantenga sulla strada principale.

Infatti Valentia è un luogo di agricoltura bellissima, molto rurale, con paesaggi rocciosi mozzafiato, ma le stradine sono davvero strette.

Poi si va. Verso l’indimenticabile penisola di Dingle. Dove ci siam fermati a campeggiare vicino ad una spiaggia di 7 chilometri di lunghezza. Tutta vento e surf e bandiere…

_MG_4778Poi l’incredibile. Piove, ci sono le pecore al pascolo in terreni che precipitano direttamente in mare e… sotto ci sono gli squali che girano intorno evidentemente aspettando che la pappa gli cada in acqua!

Arriviamo a quello che sembra il mare ma è un fiume. Il fiume Shannon che attraversiamo in traghetto, da Tarbert. Le case qui, andando verso Kilkee, han tutte le canne per tetto, incredibile ma sembra di essere in Austria al confine con l’Ungheria. Del resto il paesaggio è quello delle Murge pugliesi o del Supramonte sardo!

Eccoci al faro di Loop Head, tra le brughiere in fiore e bellissime e pericolose falesie a picco sul mare. Intorno a noi volano tanti uccelli marini che nidificano tra le rocce.

IMG_0319Si va ancora verso il Burren. Ma prima passiamo dalle famosissime Cliffs of Moher, le più belle scogliere d’Irlanda, con una visita molto organizzata, con campeggi e parcheggi per camper, sentieri ben tenuti e balaustre a prova di vento. Ci troviamo gente e bambini da ogni parte d’Europa ma anche americani e giapponesi. Di fronte a noi le mitiche isole Aran, ma c’è davvero tanto vento.

Il viaggio sta finendo, il tempo corre…

 

 

 

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>